Environmental design con la Device API

Alcuni fattori del mondo reale come le batterie scariche e il segnale scarso possono far diventare un incubo anche un’eccellente esperienza digitale. Questi fattori esulano dal nostro controllo e, fino a poco tempo fa, non c’era nulla che potessimo fare, mentre adesso potrebbe esserci. Tim Wright ci spiega in che modo migliorare le esperienze utente in condizioni che cambiano costantemente (e che a volta sono orribili), riflettendo sull’environmental design e sulle Device API.

Siti dal doppio volto

I siti web devono essere utili alle persone e ai robot master. Un’interfaccia che riflette troppo il funzionamento interno di un sistema confonderà gli utenti umani, ma se i dati non sono conformi ad una specifica struttura, è probabile che confondano le macchine che devono usarli. In che modo può il design servire due diversi padroni? Il principio di robustezza di Jon Postel, sebbene di solito si applichi a protocolli di basso livello come TCP, offre una chiave per la progettazione di esperienze che vanno incontro ai bisogni di uomini e macchine con la stessa grazia. Lyle Mullican ci spiega tutto questo.

Application Cache è un idiota

Siamo meglio connessi di quanto non lo siamo mai stati ma non siamo sempre connessi. ApplicationCache permette agli utenti di interagire con i propri dati anche quando si è scollegati, ma insieme a grandi poteri arrivano grandi problemi. Ad esempio, i files provengono sempre da ApplicationCache, anche se l’utente è online, Oh e in certe circostanze, un browser nono può sapere che quel contenuto online è cambiato, il che implica che l’utente ottiene continuamente contenuto vecchio. E… Sì, a seconda di come mettete in cache le vostre risorse, le risorse non messe in cache potrebbero non caricarsi, anche quando l’utente è online. Jake Archibald di Lanyrd fa luce sui rischi di ApplicationCache e condivide con noi strategie, tecniche e code workaround per massimizzare il piacere e minimizzare il dolore sia per l’utente sia per lo sviluppatore. Tutto questo insieme a una demo. Tuffiamoci!

Rapid prototyping con Sinatra

Se siete web designer o web developer, conoscerete sicuramente il “prototyping”. Dai semplici wireframe alla creazione delle interfacce in Photoshop, i designer mappano il modo in cui siti funzioneranno prima di crearli. Negli ultimi anni, il processo di prototipazione è cambiato in maniera significativa. Con i produttori di browser che in generale aderiscono agli standard web e con l’avvento di tool come Firebug e web inspector di WebKit, possiamo a volte saltare Photoshop e andare direttamente nel browser. Inoltre, i framework JavaScript come jQuery ci permettono di giocare con gli eventi del browser usando solo qualche riga di codice. E se dovessimo fare qualcosa di più? Man mano che aumenta il numero di siti web che diventa web app, abbiamo ora bisogno di fare prototipi anche della funzionalità del back-end. Vi mostriamo come Sinatra, un cosiddetto “micro framework web”, vi può aiutare a creare delle web app reali (sebbene semplici) in maniera estremamente rapida, facendovi creare il prototipo dei flussi e del comportamento che integrerete nel prodotto finale.

Applicazioni vs. Web

C’è un’app per tutto e voi siete le persone che le creano. Ma dovete disegnare un’applicazione web-based o una app per l’iPhone? Entrambe gli approcci hanno vantaggi e svantaggi per non citare le legioni di religiosamente violenti supporter. Apple promuove entrambe gli approcci (hanno perfino dato al web un anno intero di vantaggio prima di cominciare a vendere app nello store) ed il browser Safari per iPhone supporta HTML5 e CSS3 e vanta un veloce engine per JavaScript. Tuttavia molte aziende e singoli sviluppatori con un’ottima conoscenza del web scelgono di creare delle app per iPhone invece che delle web app che possono fare la stessa cosa. Esplorate entrambe gli approcci ed imparate quasi tutto quello che dovete sapere se decidete di creare una app per iPhone-dal gergo al processo di sviluppo, ai trucchi che possono facilitare il percorso della creazione di un business con Apple.